QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale

Consorzi Sicilia

Ci sono alcuni nomi che fanno parte della nostra millenaria tradizione enologica. Perché tutti, almeno una volta, abbiamo assaggiato o sentito parlare del Marsala, del Nero d’Avola o dello Zibibbo, vere e proprie eccellenze tra i vini siciliani. Ma potremmo ricordare anche il Centopassi, il Cerasuolo, il Cremovo o il Placido. La produzione in questa isola è tra le più antiche del mondo e oggi mette in mostra circa 110.000 ettari di vigneti che restituiscono milioni di ettolitri della bevanda degli dei. Nel tempo è migliorata la qualità grazie all’adozione di tecniche di vinificazione sempre più raffinate. Da vino da taglio per via della forte gradazione alcolica, adesso quello siciliano è tra i più riconosciuti e apprezzati in Italia e oltre, con tanto di istituzione di numerosi vini a denominazione d’origine controllata. Non solo vitigni autoctoni, bianchi e rossi, ma anche alloctoni.